sabato 25 ottobre 2014

URISMO: + 3,2% DATI AEROPORTI SARDI SETTEMBRE

T

4 - Continuano ad arrivare conferme sull’ottimo andamento della stagione turistica in Sardegna, specie sul versante internazionale. Secondo i dati pubblicati dall’Assaeroporti, al 30 settembre scorso è già stata abbondantemente superata quota 6 milioni di passeggeri (esattamente 6.134.931) che hanno volato da e per l’Isola, cioè ben 188.513 in più rispetto allo stesso periodo del 2013. Il dato del traffico aereo sui tre scali principali (Alghero, Cagliari e Olbia) è il più alto mai fatto registrare sui cieli sardi ed è molto significativo (+3,2 per cento) rispetto a quello fatto registrare l’anno scorso, ancor di più se paragonato agli anni addietro: 335 mila passeggeri in più rispetto allo stesso periodo del 2012, 920 mila circa in più rispetto al 2010, un milione e 125 mila circa in più rispetto al 2008. Se negli ultimi tre mesi saranno quanto meno confermate le performace dell’anno scorso, si registrerà il nuovo record di traffico aereo da e per la Sardegna.
Ancora crescita. I dati del traffico aereo, incrociati con quelli recentemente presentati dall’assessorato del Turismo sulle presenze nelle strutture ricettive isolane nei primi nove mesi dell’anno, delineano un quadro molto confortante sulla stagione turistica che ancora non si è conclusa (dato che le prime settimane di ottobre registrano numeri mai visti). E confermano un trend di crescita elevato e costante dei turisti provenienti dall’estero, ma anche un’incoraggiante inversione di tendenza per quanto riguarda quelli entro confine, che stanno nuovamente scegliendo l’Isola per le vacanze.
L'assessore. “I dati pubblicati da Assaeroporti - afferma l’assessore del Turismo Francesco Morandi - sono una riprova dei dati su arrivi e presenze registrati dal sistema di rilevamento ed elaborazione dati regionale (il Sired): la Sardegna è di nuovo tra le mete turistiche più competitive del Mediterraneo, con un appeal crescente sui mercati internazionali e un forte richiamo di visitatori provenienti dalle regioni italiane. La stagione si è finalmente ‘allungata’ da marzo a novembre - aggiunge - grazie all’importante lavoro degli operatori del settore che, credendo nella qualità del prodotto Sardegna, sono riusciti a infondere dinamicità all’offerta e, grazie anche all’accessibilità al territorio, alla possibilità di raggiungere l’Isola facilmente, tutto l’anno, specie grazie all’aumento delle tratte. Ora - conclude Morandi - è il momento di andare oltre, migliorando, per esempio, su tematismi e motivazioni al viaggio, servizi e misure di accompagnamento alle imprese e investimenti sui mercati internazionali, sfruttando anche gli effetti dell’Expò”.
Più passeggeri esteri. A determinare l’ulteriore crescita, ancora una volta, sono stati i passeggeri dall’estero, ma anche i voli nazionali riportano segni positivi, come non accadeva da tre anni. Il traffico internazionale sui tre aeroporti isolani al 30 settembre è stato di 1.971.954, +4,8 per cento rispetto allo stesso intervallo temporale dell’anno scorso (quando già si era registrato un +13,8 per cento rispetto al 2012). Per dare una dimensione del dato, i passeggeri sulle tratte con l’estero sono aumentate di un quarto (più di 500 mila) rispetto, per esempio, al 2010. A bordo dei voli nazionali sono saliti, invece, 4.119.598 passeggeri (+2,8 per cento rispetto al 2013), numero in netta ripresa che ci riporta sui livelli del 2011, ultimo anno con un saldo positivo.
Grande performance di Olbia. Entrando nel dettaglio dei tre scali sardi si evidenzia ancora una volta la grande performance di Olbia (+6,6 per cento rispetto al 2013), particolarmente legata al trend di crescita degli stranieri; la crescita costante di Alghero (+2,1 per cento), connessa anch’essa coi voli internazionali; e l’incoraggiante dato di Cagliari, che nonostante una forte riduzione delle tratte internazionali, registra comunque un segno positivo (+1,5%). Su Elmas hanno volato sino al 30 settembre 2.917.007 passeggeri, dei quali 2.264.178 nazionali (vicino al record del 2012) e 643.735 internazionali (in linea col recente passato); a Fertilia il traffico totale è il più cospicuo di sempre: 1.313.423 passeggeri, dei quali 811.516 nazionali e 497.884 internazionali (quota mai raggiunta e +6 per cento rispetto al 2013); sul Costa Smeralda di Olbia sfiorati i due milioni di passeggeri (1.904.501 per la precisione): 830.335 sono quelli stranieri, 90 mila in più del 2013 (+12 per cento!), 200 mila in più del 2012, 360 mila in più del 2010

Ronde Rally Terra Sarda Città di Arzachena, la gara diventa pacchetto vacanze. L'appello della scuderia per fare squadra a tutte le organizzazioni sportive




 - L'edizione numero 3 del Ronde Rally Terra Sarda diventa occasione di sport e turismo. La scuderia con sede ad Arzachena, mette "in gara" anche il suo mare, i siti archeologici, le attrazioni costiere e dell'entroterra gallurese. Il pacchetto con offerta per la sfida sportiva e le visite al territorio, è destinato al turismo alternativo, amato da quelle persone che vogliono unire sport e sosta prolungata a Porto Cervo e dintorni. Non solo rally quindi ma per questa occasione è possibile una capatina in collina, lungo percorsi enogastronomici, a caccia delle vestigia archeologiche, di cui questa zona della Sardegna è piuttosto ricca.

La Scuderia Porto Cervo Racing e la Mediterranean Team in occasione del Ronde Rally Terra Sarda Città di Arzachena, creano una vacanza ad hoc, per chi decide di correre e riposare nella terra della gara. Il varo dell’iniziativa per l’edizione del 15 e 16 novembre, prevede una proposta che coinvolge i centri toccati dal percorso, i vigneti e i siti archeologici che sono grande parte del potenziale di questo ronde. 

"La nostra è una terra da valorizzare, - dice Mauro Atzei, presidente della Porto Cervo Racing - in cui i percorsi panoramici, la storia e le coste sono equamente considerabili i nostri punti di forza insieme ai nostri cibi. Buon vino, gastronomia eccellente, cultura e archeologia". L'organizzazione di eventi sportivi rappresenta un sistema integrato di offerta, lungo le prove speciali e gli shakedown che si snodano attraverso particolari luoghi visitabili, come aziende, cantine e vigneti. In questo discorso rientrano i servizi, ovvero strutture ricreative e ricettive. I ristoranti, le enoteche, i musei, i centri storici, i paesaggi e le bellezze ambientali. L’altra faccia del turismo bussa alla porta, certe regioni d’Italia hanno registrato un successone, la Gallura punta ad emulare gli stessi fasti.

"Le ricadute economiche saranno apprezzabili - ha aggiunto Mauro Atzei - i nostri intenti sono quelli di calare sempre di più la gara nel territorio e coinvolgere gli operatori turistici, guide, animatori e addetti alla gastronomia a lavorare in sinergia. La gente vuole conoscere pure una Sardegna diversa, che non sia fatta di solo mare ma pure di prodotti tipici, condita con cultura e ambiente".

Il Ronde Rally Terra Sarda si è trasformato in un autentico fenomeno delle gare sportive con già due edizioni all'attivo. "La scuderia è reduce da una battaglia per i diritti degli organizzatori che ci vede ancora impegnati - continua Atzei - abbiamo combattuto molto e siamo in grado di dire che astenerci dalle gare è servito per avere più diritti in tema di licenze e tasse. Oggi torniamo a correre pensando anche a tutte quelle associazioni sportive che stanno ancora combattendo per vedere riconosciute le loro manifestazioni. Siamo con loro e crediamo che insieme e non divisi, possiamo risolvere i problemi che sono ancora di tutti".


UFFICIO STAMPA
RALLY RONDE TERRA SARDA – CITTA’DI ARZACHENA
Responsabile Daniela Usai 338.8196109
Collaboratori “Porto Cervo Racing Team”   Mauro Atzei 349.2547701

Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito www.portocervoracing.com

CONVEGNO ECCLESIALE REGIONALE: PACI, LAVORO E SOLIDARIETÀ AL CENTRO DELL'IMPEGNO DELLA GIUNTA. VOGLIAMO INVESTIRE SU PERSONE E TERRITORI E CREARE LE GIUSTE CONDIZIONI PER LO SVILUPPO

- "Equità, solidarietà e sviluppo, ovvero un patto sociale per far rinascere la Sardegna: sono i capisaldi della manovra finanziaria per il 2015, temi centrali che ruotano intorno a quello principale della mancanza di lavoro, e sono gli stessi su cui oggi rifletterete nel vostro incontro, temi a cui ci sentiamo molto vicini. Perciò ho chiesto di poter avere gli atti di questo convegno, sicuro che emergeranno spunti importanti di cui la politica deve tenere conto". L'ha detto il vicepresidente della Regione e assessore alla Programmazione e Bilancio Raffaele Paci portando il saluto della Giunta al Convegno Ecclesiale Regionale alla Fiera di  Cagliari. "L'obiettivo di questo Esecutivo è creare le condizioni per il lavoro, le opportunità di crescita per tutti i cittadini, condizioni che si creano solo garantendo a tutti la possibilità di studiare, combattendo prima di tutto la dispersione scolastica, perché non possiamo competere sul costo del lavoro e allora dobbiamo puntare alla specializzazione e all'alta qualità. Questo è un tema centrale - sottolinea l'assessore Paci - perché l'assistenzialismo risolve le emergenze nell'immediato, ma non risolve il problema della disoccupazione a lungo termine che richiede invece precise strategie. Non è più tempo di facili promesse, bisogna essere realisti e affrontare la crisi in modo solidale. Basta con le sacche di privilegi, basta con le persone supertutelate: dobbiamo invece lavorare insieme a una società solidale che metta tutti nelle condizioni di formarsi e di crescere e dobbiamo, per esempio, attrarre imprese abbattendo la burocrazia". Il vicepresidente della Regione ha ricordato che anche nel Programma Regionale di Sviluppo, approvato pochi giorni fa dalla Giunta, le tre priorità sono investire sulle persone, creare opportunità di lavoro, fondare una società inclusiva: "Stiamo lavorando sulla condizione giovanile, sulle politiche sociali, sulla disoccupazione: è una situazione di grande crisi e per risolverla noi vogliamo investire sulle persone e sui territori. Perciò sono sicuro che il contributo di idee e proposte che emergerà dal vostro convegno sarà per noi importante: la nostra attenzione rispetto al problema del lavoro è assoluta e costante - conclude Paci - così come è centrale nelle vostre riflessioni. Da parte nostra, lo ripeto, c'è un impegno costante per rilanciare l'economia di questa Isola e dunque garantire lavoro e sviluppo". 

venerdì 24 ottobre 2014

Fabio Conti (Dirigente Regionale Forza Italia Giovani)


"La situazione trasporti con l inzio dell inverno è ormai insostenibile, non possiamo più subire una condizione di isolamento. Chiediamo una continuità territoriale vera, senza correre il rischio di non trovare posto sul traghetto o doversi recare un ora prima per aver certezza di potersi imbarcare e non da ultimo il forte rischio di passare una notte in porto a Palau causa condizioni meteo avverse. L'amministrazione regionale prenda atto della grave situazione che si viene a creare ogni ottobre da diversi anni, non è piu sopportabile dalla nostra comunità. Faremo la nostra parte nel sollecitare le forze politiche regionali per trovare una soluzione affinchè questa condizione di isolamento invernale finisca."Fabio Conti (Dirigente Regionale Forza Italia Giovani)


Trasporti. Non è dello stesso avviso il consigliere Claudio Tollis


Dunque la visita dell’Assessore Regionale Deiana nel nostro Arcipelago, da occasione storica per discutere finalmente del problema trasporti con chi ha poi la capacità di decidere in merito, si è trasformata in mero adempimento burocratico dal sapore tragico. La similitudine è forte, ma ha solo compilato il certificato di morte di questa comunità, e la data del decesso è già scritta, tra 12 anni, quando verrà a mancare il finanziamento pubblico previsto nei piani di privatizzazione legati alla dismissione di Tirrenia e di conseguenza delle sue società regionali di circa € 13.800.00,00 annuali. Sfatiamo subito un mito non esiste nessun obbligo giuridico alla privatizzazione. Sussiste sempre che si voglia definire obbligo, una esigenza  contabile che  condiziona la politica e la fa agire  in modo pilatesco lavandosi la coscienza con la solita retorica “ E’ l’Europa che ce lo chiede ”,  decretando la morte economica e la forzata solitudine delle comunità isolane . Tralascio volutamente di segnalare in dettaglio quanto previsto dalla Costituzione Italiana agli art 3 e 16 in tema di uguaglianza e libera circolazione. Concetti peraltro ripresi e rafforzati dai trattati europei posti alla base della stessa nascita della, prima Comunità, oggi Unione Europea. Oggi la questione è semplice e drammatica allo stesso tempo. Ci si sta costringendo ad operare una valutazione , se vogliamo imposta egoisticamente da altri livelli di governo della cosa pubblica,  se vale più la persona o il profitto d’impresa. Vengo da una formazione culturale politica che crede nel mercato come calmieratore e regolatore di beni e servizi, e questo è senz’altro valido in taluni settori, ne ha portato innegabili benfici , ma è impensabile che servizi essenziali quali appunto il diritto alla mobilità non vengano equiparati ai servizi essenziali minimi garantiti dalla fiscalità generale. Come scuola e sanità ad esempio . Ci sono attività che sono la base stessa del rapporto di coesione sociale che mantiene insieme una collettività. Se miniamo questi fondamentali punti vuol dire che tendiamo a volere una società sempre più diseguale, e questo non possiamo permettere che accada altrimenti stiamo passivamente accettando un imbarbarimento delle relazioni sociali, che porteranno inevitabilmente ad un apartheid di fatto. Non sono diventato comunista. Sono sempre un  Liberale, se questo può aiutare ad evitare speculazioni politiche, che peraltro non contrastano con quanto sopra affermato. In sostanza mi sarei aspettato Un Sindaco che combattesse come un Leone per la sua comunità, spiace aver visto un gattino stanco e svogliato che ha immediatamente deposto le armi con un atteggiamento di totale remissione, dando il via a quel processo di certificazione di morte che Deiana si è apprestato a compilare. Le richieste erano chiare Saremar deve restare compagnia pubblica al 100 %, i livelli occupazionali vanno incrementati in concomitanza con la frequenza delle corse. Le corse residuali vanno assegnate per tutto l’anno non solo nel periodo estivo. Le tariffe residenti vanno mantenute ed estese all’utenza sarda in generale, ovviando alle censure dell’unione europea in tema di aiuti di stato, avviando una razionalizzazione dei costi generali saremar, a vantaggio dello sviluppo economico delle collettività isolane . Và predisposto un programma di ammodernamento del naviglio che consenta con il risparmio ipotizzabile sul carburante di raggiungere risultati eccellenti in tema di contenimento dei costi. In sostanza bisogna occuparsi di questo tema quando si ha responsabilità di governo con ferma determinazione fino a quando non si raggiunga l’obiettivo delle continuità del servizio a costi calmierati.  Ci sono battaglie che forse non si vinceranno mai, ma non provare a combatterle è molto peggio che perderle.
Oggi non è importante andare a sinistra o a destra, oggi è importante andare avanti. Questo negli ultimi 10 anni di amministrazione locale non è avvenuto, e questo è un fatto non una mia opinione.


                                                            Il Capo Gruppo Consiliare

                                                                                                                                                          Claudio TOLLIS

INTERNAZIONALIZZAZIONE: PRESIDENTE PIGLIARU INCONTRA AMBASCIATORE KAZAKISTAN

P - Si è tenuto stamane nel palazzo di viale Trento l’incontro tra il presidente Francesco Pigliaru e l’ambasciatore del Kazakistan in Italia, Andrian Yelemessov. Il consolidamento dei rapporti commerciali tra la Sardegna e il paese dell'Asia centrale e l’individuazione di settori dove favorire gli investimenti sono stati gli argomenti al centro del colloquio. “Siamo certamente interessati a rafforzare la promozione delle nostre destinazioni turistiche e delle produzioni agroalimentari – ha detto il presidente Pigliaru – a partire dalle eccellenze come il vino”. Si è riparlato del collegamento aereo diretto, come già sottolineato ieri dagli assessori del Turismo e dell’Industria Francesco Morandi e Maria Grazia Piras, quale importante strumento per aumentate i flussi dei turisti kazaki. “Il Kazakistan è un Paese in pieno sviluppo, abbiamo bisogno di tecnologie, impianti, ma anche di manodopera”, ha evidenziato quindi l’ambasciatore. “In questo momento la rete ferroviaria kazaka è interessata da importanti lavori di ammodernamento laddove potrebbero essere coinvolte le competenze delle aziende isolane”, ha osservato l’assessore Piras presente all’incontro. L’Expo 2015 e una serie di appuntamenti istituzionali organizzati in Kazakistan, anche con il coinvolgimento delle associazioni datoriali sarde, rappresenteranno le prossime occasioni di dialogo e di confront

TRASPORTI, VERTENZA MERIDIANA: DEIANA, IMPEGNO PERCHE' TAVOLO RESTI APERTO

- “Continuiamo a fare di tutto affinché il tavolo resti in piedi in quanto riteniamo questo l’unica sede dove sia possibile trovare una soluzione”. Lo dice l’assessore dei Trasporti Massimo Deiana al termine dell’incontro istituzionale sulla vertenza Meridiana tenuto oggi a Roma alla presenza del ministro del Lavoro, dell’azienda e dei sindacati. “È una trattativa complessa, appesa a un filo, e ogni piccolo passo avanti è da considerarsi un successo”, aggiunge Deiana. “Oggi il ministro Poletti ha ritenuto alcune proposte dei sindacati meritevoli di un approfondimento e per questo ha riaggiornato di altre 48 ore l’incontro”, spiega l’esponente della Giunta Pigliaru. “Quindi andiamo avanti - conclude l’assessore - consapevoli che solo il dialogo potrà produrre effetti positivi”. Il tavolo istituzionale sulla vertenza Meridiana è riconvocato a Roma, lunedì prossimo, alle 10,30.   

Stanziamento per l'alluvione. Carta:" "Grazie Bolzano. Grazie sardi. Grazie Pigliaru"



“Con grande soddisfazione ci uniamo al Presidente Francesco Pigliaru nel ringraziare la Provincia autonoma di Bolzano, ed il suo Presidente Arno Kompatscher, per lo stanziamento di 500mila euro a favore delle popolazione colpite dall’alluvvione del novembre scorso”. Lo ha dichiarato l’assessore all’ambiente del Comune di Oliena Valentino Carta. “ Abbiamo seguito la vicenda da molto vicino grazie al circolo dei sardi di Bolzano che ha fortemente voluto affinché si arrivasse a questo stanziamento e che ci ha coinvolto immediatamente. Da alcuni giorni avevamo la notizia ed ora ne abbiamo la conferma a dispetto di quanti, nei mesi scorsi, avevano ritenuto inutile questo nostro impegno. Grazie infine  al Presidente Pigliaru che ha permesso l’arrivo di questo stanziamento dopo che per mesi l'amministrazione Cappellacci non aveva fatto niente".

PER MAGGIORI INFORMAZIONI
assessore Valentino Carta  3470840759

AGROALIMENTARE: MORANDI AL SALONE DEL GUSTO, L'ISOLA DELLA QUALITA' DELLA VITA RACCONTATA CON I SUOI ALIMENTI

 "C'è una parte importante della Sardegna agroalimentare al Salone Internazionale del Gusto di Torino". Questo il messaggio lanciato dall'assessore dell'Agricoltura, Elisabetta Falchi, e dall'assessore del Turismo, Artigianato e Commercio, Francesco Morandi, presente all'importante manifestazione internazionale. Ben 41 aziende sarde, accompagnate dalle Camere di Commercio di Cagliari, Nuoro e Oristano, presentano al mondo prodotti di grande qualità in una cinque giorni di iniziative che si chiuderanno il prossimo 27 ottobre. "Lo zafferano e il pane, i liquori e la pasta, i formaggi e il miele, la bottarga e i dolci, gli oli e i salumi rappresentano i nostri ambasciatori fuori regione e comunicano un'idea di Sardegna accogliente e produttiva”, ha aggiunto la titolare dell’Agricoltura. “L'Isola della qualità della vita esprime il meglio di sé anche attraverso le esperienze sensoriali che passano per il gusto. Questa è una delle eccellenze che sa esprimere la nostra terra" – ha osservato l'assessore Morandi. "Gusta la Sardegna" è lo slogan ideato dalla Camera di Commercio di Cagliari, che con le altre Camere di Commercio isolane hanno realizzato un lavoro straordinario nell’organizzare e supportare un network di produttori di assoluta qualità.

Piano casa, l’allarme delle associazioni di categoria va ascoltato Cossa (Riformatori)

: è panico tra cittadini e imprese. La Giunta accolga  gli appelli e proroghi il vecchio piano casa


. “La Giunta regionale ascolti il grido di allarme lanciato in questi giorni e in queste ore dalle associazioni di categoria e proroghi la scadenza dell’attuale piano casa. Ormai è panico tra cittadini e imprese”. Lo dice il coordinatore regionale dei Riformatori sardi, Michele Cossa.

“Come è stato sottolineato dalle associazioni – scrive Cossa – e da ultima la Confartigianato i cittadini si stanno ancorando alla sicurezza della vecchia norma con il rischio grossissimo di rimanere fuori e di perdere questa occasione. Senza considerare che, visti i tempi ristretti, in tanti stanno presentando le pratiche in fretta e furia  col rischio di produrre l'effetto contrario rispetto alla volontà di migliorare la qualità del patrimonio immobiliare”.

Un clima di incertezza, dice ancora Cossa, “che potrebbe creare grossi danni non solo alle imprese ma agli stessi cittadini. Chiediamo dunque, ancora una volta, che il governo regionale torni sulla sua decisione e proroghi il vecchio piano casa sino all’approvazione delle nuove norme”.

Meteo