sabato 27 agosto 2016

Disoccupazione alle stelle in Sardegna, Fois (Riformatori): i disastri di Renzi e della Giunta regionale mix esplosivo. Pigliaru crei nuovi posti di lavoro anziché prendere in giro i sardi .

 «I dati sull'occupazione diffusi dall’Inps, con il quasi – 40 per cento di posti di lavoro rispetto all'anno scorso, dimostrano due cose: Renzi è un disastro quando tesse le lodi del jobs act, e la Giunta Pigliaru sta affossando la Sardegna: si vantano di avere un tesoretto? Che lo mettano a correre per creare posti di lavoro e non eterni disoccupati». Lo dice il coordinatore regionale dei Riformatori sardi, Pietrino Fois, commentando il drammatico rapporto dell’istituto di previdenza sullo stato dell’occupazione in Sardegna.
«Ci chiediamo se la Giunta dei professori – dice ancora Fois – sia a conoscenza del tragico rapporto Inps. I famosi conti che l’assessore Paci si vanta di aver riordinato non si capisce quale ricaduta abbiano sull'economia reale. In realtà si capisce benissimo: nessuna. Quindi delle due l’una: o non è vero che hanno riordinato i conti oppure non sanno spendere i soldi per dare nuovi posti di lavoro ai sardi».
Ormai è chiaro a tutti che il jobs act ha drogato il mercato e che adesso «tutti i nodi stanno venendo al pettine: le politiche nazionali sono state un palliativo e quelle regionali non reggono, anzi sono totalmente inesistenti». Dunque, conclude Fois, «basta con il teatrino da quattro soldi che ha messo in piedi questa Giunta: il centrosinistra si rimbocchi le maniche e investa su politiche del lavoro coraggiose che garantiscano nuova occupazione stabile».

Legge su turismo e golf, Fois (Riformatori): «Centrosinistra si converte a nostre proposte, meglio tardi che mai»

 «Siamo contenti che il Pd e il centrosinistra si siano convertiti alla legge sul golf e a tutti i provvedimenti sul turismo che noi per primi abbiamo chiesto e che questa maggioranza o ha ostacolato o addirittura abrogato». Lo dice Pietrino Fois, coordinatore regionale dei Riformatori sardi, a proposito della proposta di legge sul turismo il cui iter in Consiglio inizierà alla ripresa dopo la pausa estiva.
«Siccome noi non ci fidiamo tanto di questa maggioranza – dice ancora Fois – abbiamo presentato in Consiglio regionale una nuova legge sul turismo golfistico. E su quelle norme terremo il punto. Ovviamente, se ci saranno provvedimenti in Consiglio che recepiranno le nostre proposte le voteremo. Noi crediamo nel turismo come vero motore dell’economia della Sardegna».

Alcoa, un carico di disoccupazione e veleni insostenibile. Frongia (Riformatori): «Un master plan turistico per salvare il Sulcis-Iglesiente e creare veri posti di lavoro»


. «Disoccupazione e un carico di veleni insostenibile: è questo il regalo di Alcoa, con la penosa partecipazione di Glencore e Regione. Adesso vogliamo sapere che fine faranno i lavoratori, chi ci restituirà un territorio bonificato per procedere finalmente nell'unica strada possibile per lo sviluppo del Sulcis-Iglesiente: un master plan turistico che porti vera ricchezza e non finti posti di lavoro». Lo dice il presidente dei Riformatori sardi, Roberto Frongia.

«Il 10 novembre 2014 – ricorda Frongia – è stato sottoscritto il Memorandum tra il Ministero dello Sviluppo Economico, la Regione Autonoma della Sardegna e la Glencore International AG. Fin dall’inizio avevamo espresso perplessità e dubbi, nonostante le dichiarazioni entusiastiche del Presidente Pigliaru e del PD. Tra possibili interventi del governo italiano in materia di energia elettrica, interrompibilità, contratti di sviluppo possibili per sostenere finanziariamente gli investimenti finalizzati allo sviluppo industriale e/o alla tutela ambientale, innovazione e ricerca, il Governo italiano ha consumato anni senza ottenere alcun risultato. Senza dimenticare la Regione Sardegna che alle promesse del Governo Nazionale sommava le proprie, impegnandosi a realizzare in tempi brevi opere portuali e stradali indispensabili, a loro dire, per l’ottimizzazione della logistica al servizio degli impianti industriali dell’area. Non solo. La Regione, su richiesta della Glencore, si impegnava ad adottare tutte le risoluzioni che avrebbero consentito in tempi rapidi la semplificazione e la velocizzazione degli iter procedurali necessari per l’ottenimento delle autorizzazioni di carattere ambientale e/o amministrativo necessarie per la riattivazione degli impianti».
Su questa semplificazione, dice Frongia, «è meglio stendere un velo pietoso considerato il dramma ambientale che vivono le popolazioni del Sulcis-Iglesiente. Insomma una vergogna assoluta. Nel frattempo vi è da chiedersi che fine faranno i lavoratori e chi pagherà il danno ambientale. Nel Sulcis-Iglesiente (già dichiarata area ad elevato rischio di crisi ambientale) per molti anni venivano prodotti circa il 65% di rifiuti speciali dell’isola. Un carico di veleni insostenibile. A questo punto siamo pronti a sostituirci all’inerzia degli Enti Locali. Ad ogni buon conto le bonifiche potranno creare migliaia di posti di lavoro e dare una risposta immediata alle emergenze di Iglesias, Portoscuso, Gonnesa, Carbonia ed il territorio. Le bonifiche ed il recupero del patrimonio immobiliare (proseguendo nell’azione di riqualificazione a fini turistici delle aree minerarie dismesse e nelle aree di Archeologia Industriale iniziata nell’ormai anno 2000), unitamente ad un progetto di gestione di quelle aree, saranno le fondamenta su cui potrà reggersi un Piano di Sviluppo Turistico. Poi agricoltura pesca, cultura e ricerca, sono queste le nostre proposte per creare posti di lavoro e per garantire una vita dignitosa alle migliaia di disoccupati».     

QUESTURA DI SASSARI Ufficio Gabinetto






Alghero: arresto per tentato furto di autovettura


Nel corso del pomeriggio di ieri, gli agenti del Commissariato P.S. di Alghero hanno tratto in arresto per tentato furto di autovettura, un 29enne algherese con precedenti di polizia.
Durante un servizio di controllo del territorio, i poliziotti a bordo di un’auto, percorrendo il lungomare cittadino hanno intravisto il giovane, già noto per i suoi trascorsi giudiziari, che si aggirava tra i veicoli in sosta con fare sospetto. Nel frangente lo stesso, ha provato su diverse autovetture, ad aprire lo sportello lato guida agendo sulla maniglia. Giunto in prossimità di un fuoristrada che aveva il finestrino leggermente aperto, il giovane ha cercato di forzare il vetro per introdursi all’interno del veicolo, ma è stato prontamente bloccato dagli agenti che non l’hanno mai perso di vista.

Il predetto è stato quindi tratto in arresto e, dopo le formalità di rito è stato accompagnato presso le camere di sicurezza della Questura a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa del procedimento di convalida dell’arresto previsto per la mattinata odierna. 

Cossa (Riformatori): Rincari autobus. Tariffe urbane per tutti i comuni della Città metropolitana


 "L'aumento delle tariffe degli autobus è stato quanto di più inopportuno la giunta regionale potesse fare in un momento come questo. Per attenuarne l'impatto adesso la Regione estenda l'applicazione delle tariffe urbane ai comuni che fanno parte della Città metropolitana, tariffa che è molto più vantaggiosa. E con essa permetta loro finalmente di avere anche i biglietti a tempo e quelli giornalieri, che permettono un più facile utilizzo dei mezzi pubblici." Lo chiede il consigliere regionale dei Riformatori sardi Michele Cossa. "Che comuni come Sestu e Capoterra abbiano ancora un trasporto pubblico  'extraurbano' è un anacronismo privo di senso, che penalizza pesantemente i cittadini e li spinge a utilizzare l'automobile a scapito del mezzo pubblico. La regione prenda atto di una realtà metropolitana di Cagliari fatta di comuni che cercano una sempre maggiore integrazione fra di loro, processo nel quale i sistema del trasporto pubblico rappresenta un elemento essenziale" conclude Cossa.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

ABBANOA gestisce l'erogazione dell'acqua in Sardegna in modo scorretto, vessatorio ed arbitrario; il prezzo viene calcolato a scaglioni di consumo ma loro non consultano i contatori e mandano le fatture con anni di ritardo ovviamente attribuendo la fascia di costo massima per il consumo totale per cui si può arrivare fino al triplo del prezzo; cambiano i costi a loro piacimento e gli utenti non hanno scelta perché loro hanno il monopolio; e se non si paga sospendono l'erogazione dell'acqua. Basta consultare il sito ABBANOA.it per vedere quali sono le denunce e lamentele degli utenti vessati e quante sono i ricorsi all'assistenza di avvocati o enti per la difesa dei consumatori. Questo è un problema che coinvolge sia i residenti che i non residenti. Personalmente io lamento che a fronte di un consumo di acqua Non Potabile a La Maddalena di circa 423mc mi sono vista arrivare una fattura di €1628! È chiaro che se avessero fatturato il consumo nella fascia annuale il prezzo sarebbe stato diverso e ci si chiederà come mai da sei anni non mi mandavano le bollette: perché io ho fatto ricorso contro le loro fatture di consumo presunto, nonostante la presenza di un contatore,eccessivo. In quell'occasione riconobbero l'errore è mi dissero di sospendere il pagamento delle ultime due bollette ma da allora, nonostante i miei solleciti, adesso finalmente mi è arrivata la sorpresa!!!!

LEGIONE CARABINIERI SARDEGNA Comando Provinciale di Sassari



  


STINTINO-Turista truffata: ordina uno Smart Phone su un sito internet e riceve un limone.

Nella mattinata di ieri i Carabinieri della Stazione di Stintino hanno denunciato a piede libero R.E., vibonese, classe 75, con precedenti di polizia, accusato di aver truffato una studentessa poco più che ventenne di Bergamo, da qualche giorno in vacanza in Sardegna.
La giovane ragazza, individuando sul sito internet di acquisti online SUBITO.IT, uno Smart Phone di ultima generazione ad un prezzo allettante ed oltremodo vantaggioso, senza adottare quei minimi accorgimenti cautelativi, decide di acquistarlo.
La fortuna ha voluto che la malcapitata, essendo in vacanza, si fosse dimenticata la carta di credito e per tale motivo è stata costretta ad optare per il pagamento in contrassegno, cosa che, all’arrivo del corriere è avvenuta regolarmente. La sorpresa non è stata divertente come l’epilogo della vicenda, perché la giovane studentessa per 300 euro aveva acquistato non uno Smart Phone alla moda ma un limone posizionato nello scatolo recapitato e imballato con vecchi fogli di giornale. L’immediata chiamata al 112 e la successiva denuncia sporta presso la Stazione Carabinieri di Stintino, ha permesso ai militari di rintracciare il corriere SDA prima che versasse il denaro sul conto del truffatore, per cui i soldi sono stati recuperati e ritorneranno in possesso della vittima.


LEGIONE CARABINIERI SARDEGNA Comando Provinciale di Sassari




  
  
OLBIA. VIOLA LA SORVEGLIANZA SPECIALE: ARRESTATO DAI CARABINIERI


. I Carabinieri del NORM di Olbia, dopo un inseguimento e ricerche serrate, hanno tratto in arresto Emanuele Casu, pregiudicato olbiese 42enne, sottoposto alla misura della Sorveglianza Speciale con obbligo di soggiorno.
L’uomo era stato notato la notte precedente per le vie della città violando, in tal modo, gli obblighi previsti dalla misura di prevenzione alla quale è sottoposto anche per i numerosi reati contro il patrimonio di cui si era reso protagonista. Non è la prima volta che il Casu viene tratto in arresto per la violazione degli obblighi della Sorveglianza Speciale. Nella notte i Carabinieri della Sezione Radiomobile lo avevano inseguito per le vie della città senza riuscire a prenderlo. Dopo un servizio di osservazione presso la propria residenza, solo nel corso della mattinata, i militari sono riusciti a fermare l’uomo che, inizialmente, ha tentato di fare perdere le proprie tracce dandosi nuovamente alla fuga. L’arrestato, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza del Reparto Territoriale Carabinieri di Olbia in attesa della direttissima.

venerdì 26 agosto 2016

Rubbiani è deceduto all età di 89 anni

Rubbiani

La storia  dell’allora ILvarsenal passa senz’altro anche  da  Paolo Rubbiani piu noto Paoluccio , il portiere “ragno “che arrivava al “sette”per prendere il pallone  scagliato in quel punto .Paoluccio è deceduto ieri in pochi giorni  di malattia . Aveva  89 anni e a ottobre  arrivava per i 90 , fisico ancora     asciutto  col suo bastoncino “accompagnatore “  passeggiava per le vie  del centro  salutato   da tutti  quelli che lo conoscevano per il  suo passato come portiere dell’allora  Ilvarsenal  dei vari Comiti , Di Fraia , Onida , Zonza , Origoni e tutti gli altri . E’ partito da titolare nell’anno 51-52n le campionato di IV serie  dopo che era stato ceduto alla Carbosarda l’altro portiere Giovanni D’Oriano , piu’ noto “ Bozambo “, dopo che  si era fatto apprezzare già negli anni precedenti. ln quella stagione giocavano i vari Salvioli , Tugnoli , Agostini  Giagnoni , Pais seguiti poi da Capitoni e dal bomber Paoli . Norevole è stata la gara  contro  l’Olbia  dove Rubbiani ha detto no a tutti i palloni scagliati da Alberghini , Barberi ,Sc0lavurru, Scognamiglio e la gara  fini 0-0 . Per quessat  gara  Rubbiani ricevette tante  di quelle pacche  che lo stordirono e La Nuova lo considerò un “ eroe “ . Oggi alle 12 partendo dalla camera mortuaria  per la chiesa  di Santa Maria Maddalena si effettuerà il funerale  ,. Chi ha commosso le figlie è stata la presenza  del neo presidente  dell’Ilvamaddalena  ha consegnato ai familiari la gloriosa maglia bianco- celeste  che Murrighile  che  Paoluccio ha indossato nel lontano anno in cui ha iniziato a giocare . Peone










Meteo